22551
post-template-default,single,single-post,postid-22551,single-format-standard,qode-social-login-1.1.2,qode-restaurant-1.1.1,stockholm-core-1.0.8,woocommerce-no-js,select-child-theme-ver-1.1,select-theme-ver-5.1.5,ajax_fade,page_not_loaded,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Vetra Building

“Vetra” by DutyGorn / acrylic on board 300x200cm / 2018

Un incontro di linee che tracciano una mappa dei percorsi della piazza.

I personaggi sono raccontati nelle linee bianche, evidenti nel perimetro. Una cornice luminosa che sostiene e contiene la scritta “Vetra”, composta con un lettering che porta l’occhio verso il futuro. Linee dettagliate, nette: sono una costruzione in legno, eretta nel centro di Piazza Vetra, che identifica quella che è stata, che è oggi e sarà domani.

Seguendo le linee, i percorsi della piazza, l’occhio, pregno di significati, raggiunge la sommità dell’opera e trova le tende rosse del mercato di Marrakech, simbolo di scambio, comunicazione e incontro. 

Le linee tracciate nel quadro dividono concettualmente l’opera che, se da una parte racconta la storia dei personaggi e le loro speranze proiettate sulla piazza, dall’altra è Vetra stessa che si racconta. Nell’azzurro e nel blu, i suoi nuovi colori che ne definiscono il cambiamento, la trasparenza, la sua luce di speranza. Come il colore giallo, posto alle due estremità dell’opera, che è la predizione di un futuro lucente nei tarocchi: è il giallo della carta del sole, nata nell’oggi e proiettata nel futuro.

L’opera è l’incontro tra linea e vita. Di donne e uomini che passano, solcano e disegnano linee.

Loro sono il quadro.

No Comments

Post a Comment